videos porno vintage letmejerk.fun sexo sentada no colo sexo mae gostosa luxuretv.fun melao nua na favela swathinaidusex xnxxporn.fun indian sex scandal free bigassporn porn300.online jharkhand ka sexy video www xxx odia video rushporn.online odia x video bengali sexy video film imhoporn.com boss xvideo muktha hot indiansexmovies.mobi pakistan xxx tamilauntybra turkishhdporn.pro sexpak babilona nude tubesafari.pro auntysexvideo ooo sex indian indianpornvideos.pro xxvieos xvideos7 indiapornvids.pro kook porn hollywood actress xvideo beegwank.com naked village aunty

Quella che leggete qui è la traduzione di un articolo comparso su irishtimes.com con il titolo Lethal Allies: British collusion in Ireland. A shameful part of our troubled history. La versione originale dell’articolo la potete consultare cliccando QUI

Lethal Allies: British Collusion in Ireland: Una parte vergognosa della nostra storia travagliata

Un potente studio di Anne Cadwallader sulla collusione delle forze di sicurezza con paramilitari lealisti sottolinea la necessità di affrontare questa eredità

Di Susan McKay

“Non esiste situazione umana così miserabile da non poter essere aggravata dalla presenza di un poliziotto”. Questa citazione di Brendan Behan fornisce l’occasione per l’unica risata cupa e surreale in questo libro scioccante.

Prendete la storia di Mick McGrath. In una sera d’estate del 1976, uno scapolo di mezza età fece visita al Rock Bar vicino a casa sua nella campagna di Co Armagh. Mentre se ne stava andando,  arriva un carico di uomini armati che  inizia a sparare. Giacendo ferito a terra, McGrath vede uno dei membri della banda piazzare una bomba mentre un altro rastrellava il pub a colpi di arma da fuoco. Mentre gli aggressori inizialmente lo superarono, notò qualcos’altro. I loro stivali. Erano come gli stivali dei poliziotti.

In effetti erano gli stivali dei poliziotti. Tutti gli uomini erano membri del gruppo speciale di pattuglia della Royal Ulster Constabulary, un gruppo d’élite di ufficiali il cui ruolo era quello di combattere il terrorismo. Il veicolo usato era un’auto della polizia. Uno di loro tornò in uniforme alla locale stazione RUC in tempo per prendere parte alle “indagini” sull’attacco. Ciò non includeva né un interrogatorio con McGrath, il testimone principale, né test balistici sul proiettile rimosso dal suo corpo o su oggetti nel bar in cui 17 persone erano miracolosamente sfuggite alla morte.

McGrath non è stato nemmeno informato del caso in tribunale in cui quattro agenti della RUC sono stati successivamente incriminati – un caso che è sorto solo dopo che uno degli ufficiali rilasciò alcune confessioni che coinvolsero gli altri, oltre a portare all’arresto di altri lealisti.

Uno degli uomini della RUC ha affermato che l’intenzione era “quella di cacciare questi ragazzi nello Stato Libero”, sottintendendo, falsamente, che il Rock Bar fosse pieno di uomini dell’IRA. Nel suo rapporto Lord Lowry, il defunto Lord Chief Justice, ha esteso la metafora. Ha capito che gli imputati sentivano che “era necessario più del normale lavoro di polizia ed era giustificato per liberare il paese dalla pestilenza che esisteva”. Erano “fuorvianti ma soprattutto sfortunati”, ed era opportuno che lui imponesse condanne inferiori a quelle applicabili ai terroristi. Uno degli imputati stupiti e riconoscenti gridò al banco degli imputati: “Lode al Signore!”

Omicidi settari
Anne Cadwallader commenta “la totale mancanza di curiosità da parte dell’accusa o del giudice del processo” sulle armi usate – armi che avrebbero potuto essere acquistate solo da paramilitari lealisti, la cui principale fonte di armi, le autorità avevano saputo per anni sono state le forze di sicurezza. Queste pistole, infatti, erano già state usate in molteplici omicidi settari che erano ugualmente non indagati. (Uno dei risultati notevoli del libro è la creazione di grafici delle storie balistiche di varie armi usate ripetutamente.)

Quelli davanti alla corte includevano membri di una delle bande settarie più feroci nella storia del conflitto dell’Irlanda del Nord. Includevano membri ex e in servizio del reggimento di difesa dell’Ulster, dell’esercito territoriale e del RUC. Se queste persone finivano in tribunale, le autorità spesso nascondevano i loro ruoli in organismi che, dopotutto, erano dediti al mantenimento della legge e dell’ordine.

Cadwallader espone chiaramente le prove che il pluri assassino Robin Jackson era un agente delle forze di sicurezza e quindi protetto. Sottolinea l’irresponsabilità del ramo speciale della RUC, che gestiva agenti ma, invece di utilizzare le informazioni fornite per salvare vite, a volte sembrava dirigere il terrorismo. Tale era la facilità con cui operavano questi assassini che in un’occasione, quando un piano per collocare una bomba in un bar fu sventato, lo portarono in un altro, dove esplose, uccidendo due persone. Tutto ciò nonostante la sorveglianza, da parte delle forze di sicurezza, dell’hub della banda nella fattoria di James Mitchell.

Durante gli anni ’70 si è giunti a pensare che queste “gang” sotto varie sembianze, abbiano ucciso più di 100 persone, molti di loro civli cattolici. Solo uno era un militante dell’IRA. Cadwallader nota come molti fossero umili lavoratori cattolici che vivevano modestamente, meglio che potevano.

Cadwallader descrive la passione con cui i sacerdoti cattolici Denis Faul e Raymond Murray hanno cercato di convincere i governi britannico e irlandese a rivolgere la loro attenzione agli eventi del cosiddetto triangolo del delitto. Cita Seamus Mallon dell’SDLP che ha compiuto sforzi altrettanto valorosi.

Descrive la minuziosa ricerca che è entrata in questo libro, condotta dal Pat Finucane Center, principalmente nell’ufficio dei registri pubblici del Regno Unito. Loda il coraggio e la determinazione di Alan Brecknell, che era un bambino quando suo padre fu assassinato dalla “banda”, e che ha dedicato anni a perseguire la verità.

Fa un uso ampio ed efficace dei rapporti del team di indagini storiche della PSNI. Ultimamente è stata oggetto di critiche serie e talvolta giustificate, ma emerge da questo libro con notevole onore. I suoi rapporti descrivono le decisioni prese dalla RUC e dal direttore del pubblico ministero come convinzioni catastrofiche, straordinarie. È stato Dave Cox, ex capo della squadra, a scusarsi con persone come il defunto Sadie Reavey per la falsa accusa, mossa da Ian Paisley, che sostenevano che tre dei suoi figli fossero stati assassinati perché erano nell’IRA.


Contesto unionista
L’unico grave difetto del libro è la sua quasi totale incapacità di collocare questi terroristi nel contesto della cultura e della storia dell’unionismo. C’è un capitolo troppo esteso che mette in relazione le tattiche sporche britanniche in quelli che l’autore definisce luoghi “lontani”, come Cipro e Kenya, alle sue pratiche nell’Irlanda del Nord. Non c’è quasi nulla sull’influenza fondamentale dell’Ordine Orangista sul concetto di “famiglia unionista” e sul mantenimento di una società segregata definita dal settarismo paranoico.

La mentalità lealista nel sindacalismo ha assicurato il silenzio di molti protestanti su queste uccisioni; la paura di quella mentalità assicurava questo silenzio. Cadwallader commenta l’Iraq contemporaneo, ma non il modo in cui una nuova generazione di assassini lealisti, incoraggiati dai resti delle bande degli anni ’70, ha prestato i suoi muscoli all’Ordine Orangista a Drumcree negli anni ’90, provocando un’altra ondata di omicidi settari. 

Una donna mi ha descritto Billy Wright come uno “crudele” ma ha aggiunto: “Potrebbe essere uno psicopatico, ma è il nostro psicopatico”. Il libro di Michael Farrell del 1983 Arming the Protestants espone chiaramente le radici delle forze di sicurezza dell’Irlanda del Nord nel paramilitarismo lealista e la motivazione della continua tolleranza dell’illegalità ai margini.

Nell’affrontare questa collusione, tuttavia, Cadwallader ha scritto un libro coraggioso, potente e forense dettagliato su un aspetto vergognoso e negato della storia del nostro conflitto. Aggiunge la sua voce a coloro che chiedono un meccanismo coerente per affrontare l’eredità del passato. Diventa ogni giorno più dolorosamente ovvio che questo è necessario.